Video su Napoli

Loading...

lunedì

Tutti i colori del tartufo


In una Cena a tema al ristorante Le Macine di Benevento

Venerdì 25 novembre 

La patria d’elezione delle varianti più pregiate di tartufo è sicuramente il Piemonte ma le aree interne della Campania ospitano due varianti inaspettate, capaci di farsi amare dai palati gourmet. Il tartufo nero di Bagnoli Irpino, è riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole come prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano. Il  suo sapore leggermente amarognolo ma gradevole, la polpa nera o violacea con venature chiare ramificate lo rendono l’ingrediente ideale per menu ad alta densità di creatività. Più recente è l’apprezzamento per quello Bianco, la cui area di provenienza è localizzata nel comune di Ceppaloni. Angelo D’Amico, chef executive de il Ristorante Le Macine di Benevento ha ideato per venerdì 25 novembre un menu speciale, interamente dedicato ai tartufi campani. Si parte con un uovo cotto al vapore servito con una zuppetta di patate e tartufo, poi un souffle di funghi porcini conduce al primo: tortelli ripieni di patate e tartufo. Il secondo prevede Mignon di Vitellone bianco e il dessert è una perfetta conclusione: Zuppetta inglese con meringa croccante. Ancora una volta Angelo D’amico esalta ingredienti “poveri” dei menu contadini della sua terra attraverso tecniche d’alta cucina, con la volontà chiara di portare il Sannio alla luce della ribalta dei gourmand nazionali.
Il Ristorante Le Macine è parte de Il Molino Una Hotel. Aperto a gennaio 2011, l’Hotel nasce dal recupero e trasformazione dell’antico Pastificio Rummo. Un’opera imponente con format aggiornati alle ultime tendenze del mercato turistico: arte contemporanea, alta gastronomia. Quattro stelle superiore – con 50 stanze di design, ristorante gourmet, cantina d’eccellenza – è punto di partenza ideale per visitare la città di Benevento e il suo territorio.

Informazioni e prenotazioni:
Ristorante Le Macine
UNA Hotel il Molino; Tel. 0824 311213
Via dei Mulini, 48 - Benevento

Nessun commento:

Posta un commento